Colombia

Cosa vedere a Bogotà: Itinerari, luoghi imperdibili e consigli per visitare la capitale della Colombia

Gayly Planet |

Cosa vedere a Bogotà: Itinerari, luoghi imperdibili e consigli per visitare la capitale della Colombia

Bogotà: Cosa vedere nella capitale della Colombia con consigli su aspettative e sicurezza

Bogotà è una città enorme, abitata da oltre 7 milioni di persone e sicuramente la più cosmopolita dell’intero Paese. La capitale della Colombia è il luogo perfetto dove iniziare il viaggio, ma è un peccato che per molti questo sia un semplice punto di partenza prima di dirigersi verso la costa caraibica o la più gettonata Medellin.

Il centro storico di Bogotà, che prende il nome di La Candelaria, è anche il centro politico e governativo del Paese, la sede di magnifici palazzi coloniali e dei meravigliosi musei… siamo sicuri che a questa zona vorrai dedicare più di un giorno di visita.

Abbiamo realizzato una guida con tutti i posti e le cose da vedere a Bogotà per facilitarti nell’organizzazione di questo meraviglioso viaggio in Colombia. Prima di iniziare ad elencare le cose da fare e da vedere a Bogotà ci sembra però doverosa una premessa riguardo le aspettative sulla città e la questione sicurezza. Quest’ultimo è senza ombra di dubbio un aspetto molto importante durante tutto il tuo viaggio in Colombia.

Alla fine di questo articolo potrai trovare tutti i luoghi di cui parleremo in una cartina di Google Maps. In questo modo potrai salvarla sul tuo smartphone e usarla con comodità ogni volta che vuoi.

Cosa aspettarsi da una visita a Bogotà

Bogotà è il punto di partenza per i tanti viaggiatori che decidono di fare un viaggio in Colombia ed è una buona idea trascorrere qualche giorno nella capitale per ambientarsi e conoscere da vicino la cultura colombiana.

La maggior parte dei voli internazionali infatti arrivano a Bogotà (l’aeroporto internazionale di El Dorado collega le principali città europee), ma spesso si fa l’errore di non fermarsi a sufficienza nella capitale.

Noi abbiamo visitato Bogotà per 20 giorni e, per quanto possano sembrare troppi, ci sono stati appena sufficienti per vedere tutte le cose che volevamo visitare.

Se quindi hai a disposizione circa 10 giorni o 2 settimane per fare un viaggio in Colombia ti consigliamo di rimanere nella capitale per un minimo di 3 giorni. La città è davvero grande, cosmopolita, coinvolgente e perfetta per chi è alla ricerca di esperienze che spaziano dalla più raffinata alla più cruda.

I quartieri sono tanti e tutti differenti, dalla pettinata Zona Rosa alla più vissuta e operaia Chapinero fino al quartiere storico di La Candelaria.

Come tante megalopoli Bogotà ha un problema importante con la povertà dei suoi abitanti: sarà difficile non notare la quantità di persone povere che vivono ai margini della società anche in pieno centro storico. Purtroppo è un aspetto che non puoi far finta di non notare.

Per quanto riguarda invece l’offerta gastronomica di Bogotà, per noi, è sicuramente quella più varia e completa: qui potrai gustare dell’ottima cucina locale oppure internazionale e i prezzi vanno dai pochi centesimi delle empanadas ai 50 euro per una cena completa in un ristorante di ottima categoria.

Bogotà è una città sicura? Sicurezza e informazioni importanti da conoscere

Quando abbiamo detto ad amici e parenti che avremmo trascorso 20 giorni a Bogotà e altri due mesi in giro per la Colombia una delle frasi che è stata detta più spesso è “Ma non è pericolosa, cosa ci andate a fare?”.

Bogotà è sicuramente una città per cui bisogna alzare il proprio livello di attenzione e sentire tutti i campanelli di allarme quando si tratta di sicurezza.

Al di la dei luoghi comuni legati al suo passato e diffusi a gran voce da serie come Narcos, Bogotà è una città sicura. Come in molte altre città anche a Bogotà è sufficiente andare in giro evitando di stare sempre con lo smartphone o la macchina fotografica in bella vista. Saranno in tanti a Bogotà a fermarti per strada intimandoti di no dar papaya… ovvero di non “ingolosire” possibili furfanti come se camminassi con una papaya in mano per l’appunto.

Ci sono certamente dei quartieri pericolosi a Bogotà, ma non avresti nessun motivo per volerci andare, quindi stai alla larga da quartieri dove non ci sono motivi per andarci. La Zona 1 è uno di questi quartiere e non a caso viene chiamata Caldera del Diablo o Bronx di Bogotà.

Viaggiare sicuri in Colombia: Assicurazione di viaggio

Se in valigia hai messo tutto il necessario per viverti il viaggio nel miglior modo possibile sarà necessario fare la cosa più importante di tutte: assicurarsi. Negli ultimi anni abbiamo imparato quanto sia necessario avere una copertura sanitaria (e non solo) in grado di darti il massimo della tranquillità e assistenza in caso non dovessi sentirti bene o dovessi farti male.

L’assicurazione di viaggio di Europ Assistance è la più completa e efficace e collegandoti tramite il nostro link avrai uno sconto del 10%. Potrai personalizzare l’assicurazione come preferirai, scegliendo le soglie, e le coperture (esempio copertura bagaglio). La Polizza Viaggio garantisce un’assistenza sanitaria ovunque nel mondo. In caso di Covid, offre protezione completa, compresa la copertura in caso di prolungamento forzato del soggiorno.

Cosa vedere a Bogotà: itinerari e i luoghi più belli da scoprire

Dopo queste brevi precisazioni possiamo iniziare a vedere insieme le cose più belle e imperdibili di Bogotà. A Bogotà di solito si viene per pochi giorni (da 3 giorni a massimo 7 giorni) perché spesso si pensa che la capitale della Colombia non meriti una visita approfondita. La realtà è che Bogotà è una città incredibile, con tante cose da vedere e fare. In questo sezione dell’articolo ti daremo le cose più belle da vedere a Bogotà con consigli di visita soprattutto se hai poco tempo a disposizione. Quindi cosa vedere a Bogotà in pochi giorni?

La Candelaria

Candelaria è il centro storico della città di Bogotà, il luogo dove le strade sono acciottolate, le case colorate con con i colori sgargianti tipici delle città coloniali spagnoli e dove ascoltare della buona musica dal vivo.

Questo quartiere è senza ombra di dubbio il luogo perfetto per prendere confidenza con la città, dove fare un buon pranzo e iniziare a visitare Bogotà. Qui si concentrano tantissime attrazioni turistiche a Bogotà e siamo sicuri che non ti sarà sufficiente un giorno di visita nel centro di Candelaria per scoprire le meraviglie di questa città.

La Plazoleta del Chorro de Quevedo

Si dice che questa piazzetta sia il luogo dove venne fondata Bogotà nel 1538 dall’esploratore spagnolo Gonzalo Jiménez de Quesada. Oggi questa piazza è il luogo dove prendere un caffè in uno dei tanti bar intorno la piazzetta oppure bere una birra ascoltando la musica degli artisti di strada che si ritrovano qui ogni sera. La piazza è frequentata per lo più da giovani, per via delle Università che si trovano nelle vicinanze, e dagli amanti della street art. La vicina Calle Del Embudo è il luogo perfetto per ammirare splendidi murales che raccontano la storia della Colombia.

Iglesia de Nuestra Señora de la Candelaria

Conosciuta semplicemente come Iglesia de la Candelaria, questa è fra le chiese più famose e amante dagli abitanti di Bogotà.

La struttura faceva parte dell’antico convento di San Nicolás de los Agustinos Recoletos e venne costruito a partire dal 1686, ma fu solo nel 1703 che venne completata e aperta. Al suo interno potrai vedere diversi quadri e statue d’arte religiosa coloniale molto importanti e il magnifico soffitto a cassettoni che lo storico dell’arte Santiago Sebastián ha definito come “il soffitto barocco più bello di Bogotà”.

Per la sua importanza storica e culturale, la chiesa è stata nominata Patrimonio Nacional nel 1975. Merita sicuramente una visita.

Museo Botero

Il Museo Botero è uno dei tesori di Bogotà e si trova nel cuore del quartiere Candelaria di Bogotà. Al suo interno sono esposte oltre 200 opere tutte donate dall’artista colombiane e di queste 123 sono state realizzate da Botero.

Per noi, la visita al Museo Botero, è una delle attività imperdibili da fare a Bogotà sia perché al suo interno potrai vedere le famose opere in carne dell’artista (non solo quadri, ma anche sculture in marmo, bronzo e bozzetti) e opere d’arte donate da Botero che spaziano da Dalì a Picasso, da Monet a Pisarro fino ad arrivare a Chagal, De Chirico, Degas e tantissimi altri artisti contemporanei.

Il Museo Botero sorge all’interno di uno splendido palazzo coloniale con un cortile fiorito molto bello e si sviluppa su due piani divisi in diverse sale. L’ingresso al museo è gratuito per volere dello stesso Botero.

Casa De Moneda

Foto di Felipe Restrepo Acosta da Wikimedia Commons CC BY 3.0

All’interno dello stesso complesso di Museo Botero si trova Casa de Moneda, un museo perfetto per gli amanti della numismatica ma per noi saltabile.

La Colección Numismática è molto importante per chi ha voglia di comprendere lo sviluppo socio culturale del paese: l’esposizione infatti parte dal baratto utilizzato in epoca precolombiana per arrivare alle varie monete utilizzate nel corso dei secoli. L’ingresso al museo è gratuito.

Colección de Arte

Altro spazio presente all’interno del complesso museale di Candelaria è la Colección de Arte, uno spazio espositivo che ospita oltre 800 opere di artisti colombiani fra cui anche Luis Caballero. Nel museo sono presenti sale dedicate a mostre temporanee in genere dedicate a temi di attualità dell’America Latina. Anche l’ingresso a questo museo è gratuito.

Plaza Bolívar

Plaza Bolívar è la piazza principale di Bogotà al centro della quale si trova la bella statua in bronzo dedicata a Simón Bolívar, eroe nazionale che guidò l’indipendenza del paese dalla Spagna. Intorno la piazza sorgono i palazzi governativi del Paese come quello del Municipio di Bogota, il Palazzo dei Deputati (Congreso de Los Diputatos), Casa Nariño e infine la cattedrale della città: la Catedral Primada.

Nella piazza ci sono diversi venditori ambulanti che preparano arepas e dolci con l’arequipa, una crema dolce diffusa in tutto il sud America e dei buffi Lama con i quali poter fare una foto ricordo.

Plaza Bolivar è anche il luogo di partenza della maggior parte dei free tour di Bogotà che ti consigliamo di fare per avere un’idea generale della città e qualche nozione sulla storia della Colombia. Qui trovi i migliori FREE tour da fare a Bogotà.

Catedral Primada

La Catedral Primada è senza ombra di dubbio il luogo di culto più importante di Bogotà e si trova nella bella piazza dedicata a Simon Bolivar.

Realizzata in stile neoclassico ha un interno abbastanza spoglio rispetto agli sfarzi barocchi di altre chiese della città. Secondo la tradizione in questa chiesa venne celebrata la fondazione della città di Bogotà del 1538 per volere dell’esploratore Jiménez de Quesada che qui è sepolto.

Museo Santa Clara

Il Museo Santa Clara in passato era una chiesa, la più sontuosa della città, mentre oggi è uno splendido museo (ingresso 4000 COP). Realizzata nel 1647, la chiesa è uno degli edifici più antici di Bogotà e il suo interno della chiesa è l’esatto opposto della Catedral Primada, una splendido barocco con le pareti ricoperte interamente di dipinti, statue e dettagli incredibili.

Casa de Nariño

Sempre a poca distanza dalla bellissima Plaza Bolivar si trova Casa de Nariño, un palazzo in stile neoclassico in cui ha sede la Presidenza della Repubblica della Colombia.

Il palazzo ha il nome di un altro eroe nazionale: Antonio Nariño che portò le leggi francesi sui diritti umani in Colombia. Per visitale il palazzo dovrai compilare un modulo online raggiungibile da questo indirizzo.

Museo Histórico Policia

Rimaniamo in zona Plaza Bolivar per visitare il Museo della Polizia Colombiana. Questo museo è saltabile a meno che non siate dei grandi fan della serie Narcos, perché al suo interno sono esposte diverse cose appartenute a Pablo Escobar. Fra i bene requisiti ed esposti qui la sua Harley Davidson, una serie di pistole e fucili, giacche, occhiali da sole e altri oggetti personali. L’ingresso al museo è gratuito ed è possibile fare una visita guidata.

Museo del Oro di Bogotà

Il Museo del Oro di Bogotà è forse il museo più famoso di tutta la Colombia. Al suo interno sono esposte oltre 55mila opere realizzate in oro esposte su 3 diversi piani e questo rende la mostra davvero incredibile oltre che la più grande collezione di manufatti in oro del mondo.

Nelle sale del museo potrai scoprire un po’ dell’arte e della cultura delle civiltà che vivevano queste terre prima dell’arrivo dei coloni spagnoli.

La collezione si dirama nei diversi piani del museo, esponendo gli artefatti delle differenti regioni colombiane. Il biglietto d’ingresso costa 4000COP e la visita dura un paio d’ore. Assolutamente imperdibile!

Iglesia de San Francisco

Credit: Felipe Restrepo Acosta via Wikimedia Commons CC BY-SA 3.0

Insieme al Museo di Santa Clara, l’Iglesia de San Francisco è considerata uno degli edifici più antichi di Bogotà (venne costruita a partare dal 1550).

L’interno della chiesa è incredibilmente bello, con una pala dorata magnifica e vale la pena visitare questa chiesa per capire l’importanza che Bogotà aveva per gli spagnoli.

Iglesia de Nuestra Señora del Carmen

Questa bella chiesa si trova a Candelaria, nel centro storico di Bogotà, a poca distanza dalla Iglesia de San Francisco, Plaza Bolivàr e dalla Catedral Primada.

L’edificio è a tre navate, a croce latina, e risalta subito all’occhio per i colori che vanno dal crema all’amaranto. La chiesa, che venne dichiarata Monumento Nazionale nel 1993, è riccamente decorata al suo interno e vale sicuramente la pena una veloce visita al suo interno.

Museo Nacional

Il Museo Nacional è un museo fuori dal centro storico di Bogotà ma che merita assolutamente una visita. Grazie a questo museo saprai orientarti maggiormente nella storia del Paese. Le sale partono dalla conquista della Colombia da parte dei coloni spagnoli e arrivano nel racconto ai giorni nostri, alle grandi conquiste dei movimenti femministi e LGBTQ+. Nel museo sono esposte opere di Botero e tantissimi altri artisti colombiani, oltre a reperti storici utili per comprendere il paese. Ingresso al museo 4000COP.

Il Cerro de Monserrate

Monserrate è uno dei luoghi iconici di Bogotà dal quale, nei giorni tersi, potrai avere una vista privilegiata della città. In cima a Monserrate troverai la Basílica Santuario del Señor Caído de Monserrate, una delle più importanti mete di pellegrinaggio del Paese.

Sebbene sia una delle attrazioni più popolari da vedere a Bogotà, personalmente ti consigliamo di visitare il Cerro de Monserrate solo la giornata è bella e se hai del tempo in più a disposizione. Per salire in cima puoi scegliere di percorre il percorso a piedi (circa 700 scalini) facendo attenzione lungo al tragitto in quanto potrebbero esserci dei borseggiatori oppure prendere la funivia o funicolare per un costo di 24mila COP andata e ritorno. Se decidi di visitare il Cerro di Monserrate ti consigliamo di partecipare a questo free tour al Monserrate per conoscere anche la flora e la fauna di questo posto.

Giardino Botanico di Bogotà

Il Giardino Botanico di Bogotá è il più grande giardino di tutta la Colombia ed è il luogo perfetto per vedere piante di ogni clima e regione del paese. Al suo interno prosperano rigogliose oltre 130 mila specie vegetali presenti in Colombia, alcune delle quali endemiche, anche se il punto migliore di tutto il giardino è la bellissima esposizione di orchidee.

Street art di Bogotà

Il movimento della street art di Bogotà è fra i più attivi al mondo, sarà impossibile trovare una sola strada non decorata con tag, murales o semplici scritte. Per comprendere meglio l’importanza di questa forma d’arte ti consigliamo di fare un free tour della street art oppure contattare i ragazzi di Bogotà Graffiti Tour che offrono sempre un tour sulla street art dal taglio più politico. Super consigliato!

Barrio Egipto

Infine parliamo di Barrio Egipto, uno dei quartieri più pericolosi di Bogotà ma che ti regalerà una delle esperienze più belle da fare qui. Abbiamo visitato Barrio Egipto con i ragazzi di Breaking Borders, un progetto volto a qualificare il quartiere tramite il turismo.

Il quartiere è sicuramente fra i più difficili della capitale e durante il tour oltre a scoprire i meravigliosi murales regalati al quartiere da street artist internazionali potrai visitare la favela, incontrare le persone che ci vivono e conoscere una Bogotà diversa dai circuiti turistici tradizionali. Il tour ha un costo di circa 30mila COP ma si basa su offerte volontarie che vengono ridistribuite nel quartiere e utilizzate per migliorare il Barrio. Per partecipare al tour Breaking Borders si possono contattare i ragazzi sul loro canale Instagram o via Whatsapp al numero presente su Instagram.

Mercado La Providencia

Questo mercato è un’ottima idea per un pranzo gustoso ed economico. Si tratta di un mercato alimentare, dove trovare ingredienti sempre freschi oppure gustare piatti davvero ottimi. I ristoranti sono tantissimi e tutti con scelte diverse da tutte le parti del Paese: qui potrai gustare piatti tipici della zona del Pacifico ma anche del Caribe, quelli tipici di Bogotà e della regione intorno a Medellin. I prezzi, rispetto alla media, sono davvero bassi e per un pranzo puoi anche pagare solo 5€.

Espacio El Dorado

Per gli amanti dell’arte contemporanea questa è una galleria da non perdere. Espacio El Dorado è una galleria d’arte con accesso sempre gratuito dove poter vedere tantissime mostre (tutte temporanee) di artisti colombiani contemporanei. Eccezionale!

Barrio San Felipe

Ultimo luogo che ti consigliamo di visitare a Bogotà è il quartiere San Felipe. Questo è un quartiere relativamente nuovo della città, pieno di street art e gallerie d’arte incredibili. Noi ci abbiamo dedicato un intero pomeriggio e ti possiamo assicurare che è un quartiere davvero bello non solo per le gallerie (puoi controllare il profilo Instagram @nochesanfelipe per sapere se ci saranno eventi particolari quando visiterai il quartiere) ma anche per i tanti ristorantini e baretti che troverai in giro per San Felipe.

Qui alcune delle gallerie da non perdere a San Felipe di Bogotà:

  • Galeria SGR
  • SKETCH
  • Instituto de Visìon
  • Beat Bob
  • Beta
  • Casa Plastica
  • Doce Cero Cero
  • Taller Casa 4
  • Estudio 74
  • Elvira Moreno
  • Espacio KB
  • Casanova Estudio 72

Dove dormire a Bogotà: le migliori case e hotel dove alloggiare

Bogotà è una città enorme e per questo scegliere bene il quartiere in cui si alloggia è essenziale per assicurarsi un esperienza di viaggio ottimale. Però selezionare bene la casa o l’hotel dove alloggiare sicuramente potrà migliorare la tua esperienza di viaggio e facilitare tantissime cose. Ecco una guida approfondita su dove dormire a Bogotà, le migliori zone, i migliori hotel e case e le zone dove non alloggiare.

Quartieri migliori dove dormire a Bogotà

  • Chapinero: Il quartiere studentesco e gay friendly della città, con tanti locali dove far festa e ottimi ristoranti.
  • Usuquèn: Il quartiere hipster di Bogotà famoso per lo splendido mercato della domenica dove fare acquisti dagli artigiani locali.
  • Candelaria: Centro storico di Bogotà, perfetto se alloggi nella capitale colombiana per pochi giorni
  • Zona Rosa: Zona molto pettinata di Bogotà con ottimi ristoranti, locali e rooftop alla moda

Vita gay turismo LGBTQ+ a Bogotà

Bogotà è una città ricca di cose da fare con una comunità gay locale davvero attiva. Qui viene organizzato ogni anno il Pride più grande del paese e i locali dove far festa non mancano. Tra spettacoli drag, saune, cruising e feste di ogni tipo a Bogotà di certo non ci si annoia.

Cartina di Bogotà su Google Maps

In questa mappa trovi tutti i luoghi di Bogotà presenti in questo post. Puoi salvarli in automatico su Google Maps e averli sempre a portata di mano.

Cerchi un albergo a Bogotà? Controlla le offerte su Booking e risparmia!

OffertaBestseller No. 1
Lonely Planet Colombia
  • Bremner, Jade (Autore)

Correlati