Asia

Capodanno Thailandese: alla scoperta del Songkran, il capodanno più bagnato del mondo

Daniele - Gayly Planet |

Capodanno Thailandese: alla scoperta del Songkran, il capodanno più bagnato del mondo

Songkran: il capodanno Thai più bagnato e divertente del mondo

Il Songkran è il capodanno Thailandese che si celebra ogni anno verso fine Aprile ed è un mix di due importantissime celebrazioni: il festival dell’acqua e il capodanno buddhista. Il motivo del festeggiamento in questo periodo dell’anno è che il sole cambia la sua posizione nello zodiaco, e come significa la parola stessa “songkran”, è un segno di movimento e cambiamento. Mentre l’acqua è sempre stato un simbolo di purificazione spirituale e serve per pulire la propria anima dalla cattiva sorte e dal peso degli avvenimenti dell’anno appena passato, benedicendo l’anno che verrà con fortuna e felicità.

Le antiche celebrazioni del Songkran

Sia il festival dell’acqua che il capodanno buddhista sono delle antichissime celebrazioni che vedono la loro nascita in tempi molto antichi. Inizialmente molto più celebrate nel nord della Thailandia, a Chiang Mai, dove tutt’ora le giornate di festeggiamenti non sono solo tre ma arrivano a fino una settimana, l’antico rituale prevedeva l’utilizzo dell’acqua per la purificazione spirituale. L’acqua veniva versata sulle statue del Buddha per poterle purificare, e con il tempo si cominciò a versare poca acqua anche sul capo e sulle spalle delle persone più grandi in famiglia e nei villaggi come un segno di benedizione.

Con il tempo, esattamente come moltissime feste religiose in giro per il mondo, il Songkran ha cominciato a cambiare, e vista anche la coincidenza con il mese di aprile che è il più caldo di tutta la stagione (le temperature arrivano fino a 40 gradi), questa celebrazione è diventata un festival immenso che viene celebrato in tutta la Thailandia. Migliaia di persone scendono in strada per questi tre giorni lanciandosi acqua a vicenda come se fosse un enorme partita a gavettoni.

Capodanno Thailandese: come e dove si festeggia oggi

Il Songkran, anche se è diventata una festa davvero divertente e goliardica, non ha comunque perso il suo aspetto spirituale. I Thailandesi durante queste tre giornate celebrano come tradizione vuole l’arrivo del nuovo anno con tutto quello che c’è da fare per rendere migliore e felice l’anno in arrivo.

Capodanno Thailandese quando

Sapere le date del capodanno Thai è facilissimo, sono spesso le stesse e possono allungarsi solo di uno o due giorni, ma le tre giornate principali rimangono sempre le stesse, proprio perché seguono il movimento del sole.

  • Capodanno Thailandese date: 13, 14 e 15 aprile 2022

Songkran: cosa si fa nelle tre giornate di festa

Ogni giornata del Sonkran prevede delle attività diverse oltre a quelle che riguardano l’acqua, di cui parleremo tra poco e vedremo i migliori posti dove lanciarsi in questa festa rinfrescante.

Primo giorno di Songkran: 13 aprile

Il primo giorno è dedicato alla pulizia delle case e dei templi e scuole per poter spazzare via tutta la sfortuna accumulata nell’anno appena passato. Inoltre si svolge la Song Nam Phra, ovvero un rituale che prevede di versare dell’acqua profumata (Nam Ob) sulle statue del Buddha nei templi, facendo attenzione a versarla dal torso in giù e non sulla testa.

Secondo giorno di Songkran: 14 aprile

Il secondo giorno si chiama Wan Nao ed è una giornata in cui tutti cucinano cibo che verrà offerto il giorno seguente ai monaci nei templi in tutta la Thailandia. Oltre al cibo le famiglie si riuniscono per creare un’acqua profumata con gelsomino e rose con cui verranno lavai i piedi delle persone più anziane della famiglia. A loro volta le persone anziane ringrazieranno i bambini regalando loro una ghirlanda di fiori.

Terzo giorno di Songkran: 15 aprile

Il terzo giorno è quello dei rituali per la buona fortuna, oltre che la giornata dedicata alla visita del tempio per poter portare cibo e abbigliamento ai monaci.

La battaglia d’acqua e talco del capodanno Thai

Come dicevamo, l’attività principale di queste tre giornate, oltre ai rituali spirituali che abbiamo visto, è scendere in strada e purificarsi con l’acqua. Con il tempo le scodelline d’acqua profumata si sono trasformate in pistole d’acqua, cannoni spara-acqua, secchi e anche elefanti pronti a spruzzare chiunque passi vicino le proboscidi.

Inoltre oltre all’acqua, i Thailandesi hanno dei sacchetti di gesso o talco per poter imbrattare le facce dei passanti, specialmente dei turisti. Questo gesto è una replica di quello che facevano i monaci per poter benedire gli oggetti, poi diventato un modo per divertirsi e rendere ancora più pasticciata questa giornata. Dai bambini ai poliziotti, bisogna star sicuri che si verrà imbrattati dalla testa ai piedi.

Dove festeggiare il Songkran a Bangkok

A Bangkok ci sono interi quartieri che vengono chiusi al traffico per poter permettere alla folla di divertirsi e celebrare il Songkran. Ecco le principali zone.

  • Khao San Road: è la zona più turistica dove festeggiare il Songkran ma anche molto divertente. Qui la strada chiude al traffico e sia i Thailandesi che i Farang (gli stranieri) si sparano acqua con pistole grandissime e getti potenti. Si balla ovunque con musica proveniente dalle casse dei bar e la festa sembra non finire mai
  • Silom: questa è anche una delle zone più frequentate durante il Songkran. Le strade di Silom sono enormi e vengono interamente chiuse. Banchetti che vengono gesso e sacchi di acqua compaiono ovunque e la festa è davvero divertentissima. Inoltre tra Silom Soi 4 e Silom Soi 2 ci sono tantissimi locali gay, quindi è anche la zona dove la comunità LGBTQ+ viene a festeggiare il capodanno Thailandese tra persone di ogni categoria, drag e turisti

Dove festeggiare il Songkran in altre città

Fuori da Bangkok ci sono tantissime altre città dove si festeggia in strada il Songkram in modo sentito e massivo come a Khaosan Road e Silom, Ecco le città consigliate.

  • Chiang Mai: il nord è la zona della Thailandia dove questa festività è più sentita e a Chiang Mai le giornate di festa raramente sono solo tre, ma possono arrivare fino a sei
  • Phuket: è l’isola più turistica e famosa della Thailandia e per questo qui si festeggia ovunque e per tutti e tre i giorni. Essendoci tantissimi turisti la festa è meno sentita e spirituale, ma comunque molto divertente
  • Pattaya: come Phuket, anche Pattaya attira tantissimi turisti che però qui si possono mescolare con i Thailandesi per i festeggiamenti famosi tanto quanto quelli delle altre città
OffertaBestseller No. 1
Thailandia
  • Editore: Lonely Planet Italia
  • Autore: Aavv
  • Collana: Guide EDT/Lonely Planet
  • Formato: Libro in brossura
  • Anno: 2018

Cerchi un albergo in Thailandia? Controlla le offerte su Booking e risparmia

Informazioni utili

Cosa vedere a Bangkok

Cosa vedere in Thailandia

Hotel e case in Thailandia

Cultura e festività

Thailandia LGBTQ+ friendly

Gayly Planet partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire un guadagno fornendo link al sito Amazon

Correlati